NOTO WEB

www.notoweb.it

SICILIA
Vai ai contenuti

Menu principale:

Infiorata di Noto - Sicilia tema “I Siciliani in America”.

NotoWeb
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: InfioratadiNoto2019
L’edizione 2019 si svolgerà dal 17 al 19 maggio e avrà come tema “I Siciliani in America”.




Infiorata 2019, il tema sarà “I Siciliani in America”

NotoWeb
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: Infiorata di Noto 2019I Siciliani in America
 
La 40^ edizione si svolgerà dal 17 al 19 maggio.
Il 2 marzo la presentazione della grafica ufficiale
 
Infiorata 2019, il tema sarà “I Siciliani in America”
 

i Siciliani in America
 

 
«Per la prima volta nella storia, i Siciliani nel Mondo diventano il focus di una importante manifestazione. È un vero atto di amore e di pura riconoscenza: vogliamo dedicare la nostra prestigiosa Infiorata alle tante comunità di Siciliani nel Mondo, permettendo loro di abbracciare l’amata Sicilia e di raccontarci le loro esperienze di vita, la storia di tanti successi e di innegabili sofferenze». Con queste parole il sindaco Corrado Bonfanti svela il tema della 40^ edizione dell’Infiorata di via Nicolaci, in programma dal 17 al 19 maggio.
 
I bozzetti realizzati dai maestri infioratori netini, le mostre allestite, i workshop organizzati e gli spettacoli in programma saranno ispirati ai Siciliani che hanno affermato la propria esistenza vivendo tra il Canada e gli Stati Uniti d’America. Siciliani che da immigrati sono diventati protagonisti di storie di successo.
 
Tutti i dettagli della festa di saluto alla Primavera organizzata con continuità nella città Barocca dall’ormai lontano 1980 saranno ufficializzati nei prossimi giorni, intanto però gli assessori al Turismo e alla Cultura, Giusi Solerte e Frankie Terranova, hanno avviato una serie di contatti sia con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sia con alcune comunità di Siciliani in America: l’evento sarà presentato anche a New York a fine marzo.
 
Sabato 2 marzo, invece, sarà presentata la grafica ufficiale della 40^ edizione dell’Infiorata, evento ormai di richiamo internazionale e inserito anche nel calendario degli appuntamenti promossi dalla Regione Siciliana.
 
«Quest’anno abbiamo deciso declinare in maniera diversa l’internazionalizzazione della “nostra” Infiorata - spiegano gli assessori Solerte e Terranova - per dare il giusto risalto all’essere Siciliani, alla “Sicilitudine” che tante volte ripeteva Leonardo Sciascia. Il nostro vuole essere un simbolico e metaforico “bentornati” a quanti hanno lasciato la Sicilia per trovare fortuna in America, ma anche una riflessione sul tema dell’immigrazione».
 
Dopo l’edizione 2017 dedicata al Principato di Monaco e quella 2018 alla Cina, l’edizione 2019 dell’Infiorata accoglierà un tema profondo e che punta a ricomporre memorie individuali e di comunità, storie normali ed eccezionali, passato e avanguardia dell’essere “I Siciliani in America”.




Inferno a Noto, cinque minuti di applausi

NotoWeb
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: Inferno a NotoGiovanni Anfuso
Inferno a Noto, cinque minuti di applausi
Il regista Giovanni Anfuso, "Il pubblico ci ha premiato partecipando alla rappresentazione con emozione e commozione". I ringraziamenti all'Assessorato regionale al Turismo. I commenti degli amministratori netini
Cinque minuti di applausi al termine della rappresentazione dell'Inferno di Dante che, con la drammaturgia di Giovanni Anfuso, ha debuttato ieri nell'ex chiesa di Santa Caterina a Noto.
"Siamo davvero molto contenti - ha detto il Regista - perché il pubblico ci ha premiato partecipando alla rappresentazione con emozione e commozione".
"Ci si è trovati tutti, spettatori e attori insieme, all'Inferno" ha commentato Angelo D'Agosta, interprete di Dante.
"Un'enorme empatia con il pubblico in sala - ha confermato la protagonista di Inferno, Liliana Randi - e una corrente incredibile di emozioni. Ci aspettiamo che ogni sera si possa creare ancora, insieme, questa magia".
Grandi applausi anche per Davide Sbrogiò, nel ruolo del Conte Ugolino, "Un personaggio che sa di sangue, carne, sentimenti e disperazione".
"Ringrazio la produzione - ha aggiunto l'assessore comunale al Turismo Giusi Solerte - per aver scelto per questo spettacolo così intenso la nostra Noto, che ha una posizione strategica importante sul territorio della Sicilia orientale. Si raggiunge da Modica e da Siracusa in mezz'ora e in meno di un'ora da Catania e Ragusa".
La produzione ha voluto ringraziare l'assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo, che nei giorni scorsi ha partecipato proprio a Noto alla conferenza stampa di presentazione dello spettacolo.
Al termine della rappresentazione Giovanni Anfuso, parlando con i giornalisti, ha spiegato che, rispetto all'Inferno presentato nella scorsa estate nelle Gole dell'Alcantara facendo sempre registrare il tutto esaurito, questo di Noto è una rappresentazione in cui attori e pubblico sono a strettissimo contatto.
"Questa ex chiesa - ha spiegato - è diventata la porta dell'Ade. Un luogo magico, capace di creare una grande intimità: nelle Gole il pubblico era da una parte del fiume, gli attori dall'altra, mentre qui vi è un contatto fisico, gli spettatori sono immersi in ciò che viene rappresentato. Ed è come essere tutti dannati alla ricerca di un percorso per tornare a riveder le stelle".
Oltre che sul fascino delle parola della Commedia di Dante Alighieri, questo Inferno punta sulla multidisciplinarietà:  movimenti coreografici e musiche si intrecciano agli effetti visivi e immagini filmate.
Grandi consensi, come detto, per tutti i protagonisti: i già citati Liliana Randi (Narratrice), Angelo D'Agosta (Dante) e Davide Sbrogiò (Conte Ugolino), Camillo Sanguedolce (Ulisse), Giovanna Mangiù (Francesca da Rimini), Corrado Drago (Turista e Caronte), Ivan Giambirtone (Virgilio) e Gabriele D’Astoli (Diomede-Arcivescovo Ruggeri).
Applausi anche per i danzatori del Liceo Coreutico Ruggero Settimo di Caltanissetta e della Scuola di Danza Ada Ballet di Noto che hanno accresciuto le emozioni suscitate dal testo con i movimenti coreografici e gli effetti visivi creati da Mel Pappalardo.
I costumi dello spettacolo - prodotto da Buongiorno Sicilia e Muse, sostenuto da Vision Sicily e patrocinato dalla Regione Siciliana - sono di Riccardo Cappello, le musiche di Nello Toscano e le coreografie di Fia Di Stefano. Light designer Gaetano La Mela.





Noto d’Inverno 2018 entra nel vivo

NotoWeb
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: Noto d'Inverno
 
Noto d’Inverno 2018 entra nel vivo, il 24 animazione in piazza per i piccoli
 
Convitto delle Arti in festa, trasformato dalle associazioni in un piccolo mercatino di Natale
 

           “Noto d’Inverno 2018”, il cartellone degli eventi invernali in programma in città entra nel vivo. Ieri la “prima” dell’Inferno di Dante di Giovanni Anfuso all’auditorium di Santa Caterina, domenica l’esibizione del corpo bandistico dell’Istituzione musicale Città di Noto a San Corrado Fuori le Mura per la rassegna “Contrade in Musica”. Sempre domenica appuntamento con “Merenda a Teatro”, spettacolo a cura della compagnia teatrale Il Cuore di Argante che andrà in scena al Teatro Tina Di Lorenzo mentre giorno 24, per la Vigilia, in piazza XVI Maggio sono previsti giochi natalizi ed animazione per i più piccoli, sempre a cura de Il Cuore di Argante.
 
           Il cartellone è già stato pubblicato sui social del Comune di Noto (Facebook e Instagram) e sul sito istituzionale: si rimandano a questi canali maggiori e complete informazioni sul calendario e su tutti gli appuntamenti in programma.
 
In questi giorni l’atmosfera natalizia è arrivata in città anche grazie al centro giovanile Teresa Schemmari, all’associazioni Petali D’Arte e al comitato di Noto della Croce Rossa Italiana, che hanno trasformato il cortile del Convitto delle Arti in un piccolo mercatino di Natale. Nei bassi di Palazzo Ducezio, invece, è stato esposto il presepe in legno realizzato da Luigi Calafiore.
 
           Ed a proposito di presepi, è già stato inaugurato quello “solidale” realizzato dai ragazzi di Casa Tobia mentre il giorno di Natale toccherà a quello vivente allestito dal centro giovanile Teresa Schemmari e dalla Parrocchia Ecce Homo, accanto alla chiesa del Pantheon.
 

 











Didascalia foto: Il presepe in legno realizzato da Luigi Calafiore
Locandine eventi
·      Convitto delle Arti in Festa
 
·      Presepe vivente Pantheon
 
·      Contrade in Musica
 
·      Merenda a Teatro con Mary Poppins
 
·      Vigilia di Natale con Argante





L'elenco della Regione degli Eventi di "grande richiamo"

NotoWeb
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: eventi siciliagrande richiamoturismo sicilia
È stato pubblicato il "Calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico", che elenca mese per mese tutti gli appuntamenti folkloristici, enogastronomici, culturali e religiosi, in programma per i prossimi dodici mesi in vari centri dell’isola. Il decreto è stato firmato dall' assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo e ribadisce il carattere esclusivamente informativo dell'iniziativa governativa: come stabilito infatti dall'articolo 2, "non attribuisce il diritto a finanziamento regionale e pertanto l'inserimento nel Calendario medesimo ha finalità meramente remunerativa e promozionale".

Ad inaugurare il programma sarà la festa di Sant'Agata, a Catania, prevista dal 2 al 5 febbraio. Sempre alla fine dello stesso mese, la Sicilia sarà lo scenario di tre fra i più importanti Carnevale d'Italia: sfilate di carri allegorici, canti e balli ad Acireale, Sciacca e Termini Imerese, fra il 28 febbraio e il 5 marzo.

Dall'1 al 10 marzo ad Agrigento ci sarà la festa del "Mandorlo in fiore", mentre macineranno i primi chilometri le auto del "Giro di Sicilia", che si svolgerà fra marzo e aprile.
A Pasqua, nei giorni compresi fra il 15 e il 21 aprile, avrà luogo il "Ballo dei diavoli" di Prizzi, mentre a Caltanissetta, Enna e Trapani si svolgeranno le tradizionali celebrazioni della Settimana santa.

Durante il mese di maggio, grande attesa per lo storico appuntamento annuale con la "Targa Florio classica", a Palermo nei giorni dal 4 al 6.
Negli stessi giorni, Salina ospiterà il suo "Salina Isola show”,
mentre il 10 e il 12 sarà festa a Scordia, nel Catanese, per la neonata "Fiera mediterranea del cavallo".
Dal 17 al 21 avrà luogo la celebre infiorata di Noto (Siracusa),
mentre il 24 inizierà sulle spiagge di Palermo la tre giorni denominata "World Festival on the Beach". Fra maggio e giungo, invece, ritornerà l'appuntamento con le rappresentazioni classiche di Siracusa, che quest’anno dovrebbe intitolarsi "Donne e guerra".

Capitale culturale dell'isola, per il mese di giugno, sarà la città di Taormina, dove si svolgeranno ben tre grandi eventi: dal 22 al 26 spazio a "Taobuk", festival dedicato ai libri; per gli appassionati di cinema arrivano poi gli appuntamenti con i "Nastri d'argento" (28 e 29) e – a seguire – con il "Taormina film fest". Ma giugno sarà anche il mese di "Inycon", la tradizionale festa del vino locale di Menfi, in programma dal 21 al 23. Negli stessi giorni, inizierà anche il "Festival dei due mari" organizzato a Tindari, nella provincia di Messina.

Grande programmazione per il mese di luglio, che si aprirà con il "Sole Luna doc film fest": la manifestazione si svolgerà a Palermo, dall'1 al 7. A seguire, da giorno 22, il capoluogo siciliano ospiterà i campionati internazionali femminili italiani di tennis. Ma l'evento più importante per la città resterà ancora il "Festino di Santa Rosalia", in programma per il 15 luglio. Torneranno anche le "Orestiadi" di Gibellina, in provincia di Trapani, previste dal 6 a 10. Da giorno 7 al 14 occhi puntati su Agrigento per la tradizionale festa di San Calogero, mentre dal 13 al 20, protagonista ancora Taormina per "TaoModa". Il 12 luglio partiranno ufficialmente le famose "Dionisiache", rappresentazioni classiche organizzate a Calatafimi Segesta.

Gli appuntamenti fissati per agosto riguardano invece: Santa Margherita Belice (Agrigento), con il premio letterario "Tomasi di Lampesua", previsto per la prima settimana; Castelbuono (Palermo), con gli eventi musicale "Ypsigrock", dall'1 all'8, e il "Jazz Festival", dal 16 al 21; Messina, con "Festa della Vara e Giganti" (dal 9 al 15); Piazza Armerina, con il "Palio dei Normanni", dal 12 al 14; Catania, con la festa estiva di "Sant'Anna", in calendario dal 12 al 18. Poi, giorno 21 agosto, Palermo darà avvio alla tradizionale regata che unisce il capoluogo siciliano alla città di Montecarlo, mentre il gran finale d’estate sarà dato dal concerto di Andrea Bocelli, che il 30 agosto canterà al Teatro antico di Taormina.

A settembre torneranno sia "Le vie dei tesori", in varie città della Sicilia, sia il "Cous cous fest", attesissimo evento di San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani. Durante il mese di ottobre, uno degli eventi in programma sarà la "Rassegna del Documentario e della Comunicazione Archeologica" a Licodia Eubea, nel Catanese. Sempre in autunno, fra Palermo e Catania, andrà in scena lo spettacolo teatrale "I giganti della montagna", firmato un secolo fa da Luigi Pirandello. Dal 24 al 27 ottobre sarà il turno di "Chocomodica", la tradizionale festa del cioccolato modicano. A inizio novembre, dal 6 al 10, Palermo tornerà a ospitare il "Festival della Morgana", dedicato all'opera dei pupi e al teatro d'immagine. Infine, il ricco calendario pubblicato dalla Regione si chiude con i festeggiamenti dedicati a Santa Lucia di Siracusa (dall'8 al 20 dicembre) e con il Presepe vivente, che si svolgerà dal 25 dicembre al 7 gennaio 2020 a Custonaci (Trapani).



Torna ai contenuti | Torna al menu