NOTO WEB

www.notoweb.it

SICILIA
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pranzo di Natale a Noto

Noto Web
Pubblicato da in Notizie ·
Tags: pranzonatalenoto
Pranzo di Natale




Convegno sul Carrubbo a Noto

Noto Web
Pubblicato da in Notizie ·
Tags: carrubbonotoconvegno
Convitto delle Arti, sabato 2 giugno convegno sul “Carrubbo”
Inizio alle ore 19.30, relatore il dott. Gaetano Scifo, direttore del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Umberto I di Siracusa

           Sabato 2 giugno il Convitto delle Arti ospiterà il convegno organizzato in collaborazione con l’associazione Il Fornello dedicato al “Carrubbo”. Albero da frutta che rientra nell’identità mediterranea e che rappresenta per questa zona della Sicilia anche un simbolo storico e culturale. Ma non solo: al suo frutto spontaneo, sono riconosciute proprietà dimagranti e antiemorragiche e spesso viene anche utilizzato come rimedio naturale. È, inoltre, un alimento senza glutine e con molte fibre alimentari.
           Tutti argomenti che saranno approfonditi durante il convegno organizzato dal Comune di Noto e dall’associazione Il Fornello dal titolo “Il Carrubbo: storia, cultura e paesaggio mediterraneo”, il cui relatore sarà il dott. Gaetano Scifo, direttore dell’unita operativa Malattie Infettive dell’ospedale Umberto I di Siracusa. Moderatrice sarà la dott.ssa Franca Mancaci, delegata dell’associazione Il Fornello di Siracusa.





Casa Cina, alla scoperta di una cultura millenaria a Noto

Noto Web
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: casacina.cinanoto
 
Allestita dall’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna nella Sala Gagliardi di via Cavour
 
Casa Cina, alla scoperta di una cultura millenaria
 
Dal 18 al 20 maggio in programma workshop, laboratori e ed esposizioni con un unico filo conduttore: conoscere le tradizioni del Paese ospite dell’Infiorata 2018   
 

Noto, 15 maggio 2018
 
           Alla scoperta di una cultura millenaria, arricchita da simboli e tradizioni, come quella Cerimonia del tè che sarà ripetuta più volte nell’arco del weekend. Casa Cina, il quartier generale dedicato al Paese straniero ospite della 39^ Infiorata sarà allestita nella Sala Gagliardi di Palazzo Trigona e promette una vera e propria immersione nella cultura millenaria orientale.
 
           Allestita dall’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna, il programma delle attività previste al suo interno è ricco di spunti e momenti interessanti che permetteranno ai visitatori di conoscere meglio la Cina e apprezzarne gli aspetti più caratteristici.
 
           L’inaugurazione è prevista venerdì 18 maggio alle 18 e a seguire è in programma la prima Cerimonia del tè, raffinato rituale con profondi contenuti spirituali: sarà una maestra cinese a guidare i visitatori alla scoperta di un momento d’obbligo quando c’è da accogliere un ospite a casa. Ma a Casa Cina ci sarà anche l’opportunità di conoscere meglio l’esercito di terracotta di Xi’an (8mila statue dissotterrate dal 1974 con l’Unesco che ha dichiarato il sito Patrimonio dell’Umanità) e i siti turistici del paese orientale (mostra organizzata dall’Ufficio Nazionale del Turismo cinese).
 
           Previsti anche laboratori di calligrafia, workshop su aspetti storici come il percorso, sia terrestre sia marittimo, delle antiche vie carovaniere che collegavano l’Occidente con l’Oriente mettendo in contatto l’impero romano con quello cinese. Ci saranno focus anche sugli usi e costumi della Cina, come per esempio le festività connesse all’antico calendario lunare o le abitudini alimentari, sui romanzi e sugli altri beni culturali che rappresentano al meglio un Paese millenario.
 
«Casa Cina è lo spazio dedicato agli eventi – dichiarano le professoresse Marinella Muscarà e Sun Ao, direttrici dell’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna - con cui vogliamo promuovere la cultura cinese rivolgendosi ai visitatori dell’Infiorata 2018. Non c’è occasione più straordinarie di quando due culture diverse si incontrano: prima si guardano, si scrutano e speso si scontrano; poi si ascoltano e si scoprono per protrarsi insieme verso l’incontro che reca con sé la fecondità del dialogo interculturale».
 
 
In allegato il programma degli appuntamenti organizzati a Casa Cina dal 18 al 20 maggio





CARNEVALE A NOTO PROGRAMMA

Noto Web
Pubblicato da in Eventi ·
Tags: notocarnevaleprogramma

Il Programma dell'evento CARNEVALE 2018



Inserisci i tuoi Eventi su Noto Web - CHIAMA






La lezione del Val di Noto

Noto Web
Pubblicato da in Storia territorio ·
Tags: MarioTozzistorianoto
Nel Seicento nel Siracusano ci furono 50 mila vittime. Oggi i paesi dell’area sono un modello di sicurezza. Decine di pullman al giorno nei luoghi di Montalbano



Quando il sole comincia ad abbassarsi il Barocco del Val di Noto (mi raccomando, maschile) assume tutta la luce e la restituisce dorata e morbida, come se quei monumenti fossero prismi calcarei incantati. Percorro il corso principale di Noto accanto alla cattedrale di San Nicolò e poi volto a destra, in leggera salita, per scorrere con lo sguardo le mensole dei balconi del palazzo Nicolaci di Villadorata. Ipnotizzato dai grifoni e dalle sirene quasi dimentico che tutto questo è dovuto a un terremoto, anzi, al terremoto più forte che l’Italia intera abbia mai sofferto. Un sisma da cui, però, la Sicilia si è risollevata grazie a una politica accorta e lungimirante che l’ha fatta ripartire in poco tempo e bene. Un luogo visitato da milioni di persone da tutto il mondo, non solo per il mare e il Barocco, ma anche per la fiction italiana più famosa di sempre, il Commissario Montalbano, che è ambientata proprio qui.

Nel gennaio del 1693 un terremoto valutato (a posteriori) di magnitudo 7,5 Richter, più forte di quello di Reggio e Messina del 1908, distrusse il Val di Noto e Catania. Nel capoluogo ci furono 15 mila morti su quasi 20 mila abitanti. Cinquantamila vittime in tutto. Distruzione totale. I principi di Carafa si comportarono bene, non solo prestando soccorso, ma anche finanziando e ricostruendo nuove città secondo rigidi canoni antisismici. I lavori iniziarono nell’aprile dello stesso anno, quattro mesi dopo il sisma. Così risorsero Occhiolà, Caltagirone, Avola, Modica, Noto e altri centri minori. A Grammichele le vie sono larghe almeno dieci metri e le piazze sono concepite anche come centri di raccolta. La pianta della città è esagonale, con sei maggiori vie di fuga che conducono ad altrettante piazze minori rettangolari. A Noto i palazzi sono sempre più bassi di 15 metri e le mura sono imponenti. Dovunque impressione di solidità e grande bellezza. Scrive Gesualdo Bufalino: «Andate a Noto, datemi retta… questo è un luogo che se uno ci capita, resta intrappolato e felice, chi lo muove più».

In realtà i criteri di ricostruzione seguiti furono diversi. Alcune città (Noto, Grammichele e Avola) furono ricostruite ex novo in aree diverse. Altre, come la stessa Catania, in situ secondo i criteri antisismici dell’epoca. Altre ancora ricostruite sul posto e senza rispettare i criteri antisismici (Caltagirone, Siracusa, Modica). A queste si aggiunge Ragusa che, invece, fu praticamente sdoppiata. In tutti i casi, oltre alle vie larghe e alle case basse, si ricostruì alleggerendo i tetti e impiegando poderosi pilastri che si riconscono molto bene ancora oggi nelle piazze. Ripartirono anche le tonnare, già utilizzate dal tempo dei romani e poi spazzate via dallo tsunami seguente al terremoto. Gli stessi Nicolaci di Villadorata, ricostruttori di Noto, avevano rimesso in sesto le tonnare fisse, come quella di Marzamemi. Mi fermo a pranzo sull’ampia piazza lastricata di calcari bianchi che senza soluzione di continuità conduce alla “balata” da dove si tiravano su i tonni. I ristoranti di pesce, installati nelle vecchie case dei pescatori, sono assaliti dai turisti, una buona parte arrivata quaggiù per altri motivi. Che vengono alla luce quando mi sposto a Ragusa, in piazza, proprio sotto la chiesa.

Al ritmo di una decina di pullman al giorno, decine di migliaia di visitatori si accalcano verso il set del commissario Montalbano, fino al punto che il regista deve chiamare più volte il silenzio. Ormai non può mancare la visita ai luoghi della fiction tratta dai libri di Andrea Camilleri e Montalabano è diventato uno di famiglia, così come questi luoghi remoti la cui geografia immaginaria (Vigata non esiste) è stata ricostruita interamente aderendo al Val di Noto. Così il piccolissimo borgo della Marina di Ragusa, dove un tempo le case costavano qualche migliaio di euro, ha improvvisamente visto crescere alle stelle le sue quotazioni. E la villa famosa da cui Montalbano prende il largo con le sue celebri nuotate è visitabile a contingenti ristretti, quando non c’è set, per via degli alti numeri di turisti. Bar, ristoranti e trattorie ammanniscono menù alla Montalbano e Agatino Catarella (l’attore Luigi Russo), che è nativo di Ragusa, mi racconta, «di pirsona pirsonalmente», quanto è cambiata la sua città da quando è diventata a tutti gli effetti meta di questo nuovo turismo televisivo. Tutto a partire da un terremoto di tre secoli fa che è diventato occasione di sviluppo, di sperimentazione architettonica e di rilancio culturale.

La Stampa  Mario Tozzi

Chiamaci per preventivo




Torna ai contenuti | Torna al menu